Valorizziamo il prodotto

La sostenibilità e le nuove tecnologie sono la nostra filosofia aziendale

Il castagno piemontese

Una risorsa locale, pulita e sostenibile

Il castagno è un albero a foglie caduche presente in Europa meridionale, in Nord Africa e in Asia minore. In Italia i castagneti coprono circa 788.000 ettari, il 9% della superficie forestale nazionale. Il Piemonte è la regione italiana con più boschi di castagno: quasi 97.000 ettari. Il castagno, anticamente meno diffuso, è stato coltivato e portato massicciamente dagli antichi romani nelle valli alpine ed altrove nella nazione. Fino a poche decine di anni fa, quest'albero rappresentava un elemento cardine per le popolazioni di montagna, che lo utilizzavano per i frutti, da cui ricavavano farina, e per il legno, versatile e resistente.    

 

Perché lo valorizziamo

Il legno di castagno ha caratteristiche tecniche di elevatissima qualità. Tra i legni presenti nei nostri boschi, è quello caratterizzato da maggior durabilità e robustezza. Il legno di castagno è multifuzionale; viene utilizzato per la produzione di assortimenti di varie dimensioni destinati a molteplici impieghi. L'uso di questa pianta è radicato nella cultura piemontese e la disponibilità locale del legno di castagno nella nostra regione è molto grande. La filiera corta garantisce una riduzione dei costi e degli impatti ambientali derivanti dal traporto dei materiali, nel rispetto della tradizione e delle popolazioni locali. 

Caratteristiche e impieghi

  • Aspetto: legno differenziato, con alburno non molto ampio bianco-giallastro e durame bruno. Le venature sono ben visibili.
  • Durabilità ai funghilegno durabile (classe 2)
  • Durabilità agli insetti: Cerambicidi ssp. = attaccabile (limitatamente all'alburno); Anobidi ssp. = attaccabile; Lictidi ssp. = attaccabile (limitatamente all'alburno); Termiti spp. = moderatamente durabile
  • Durezza (Brinell): bassa (~19 N/mm²) 
  • Densità a essicazione normale: legno leggero (~580 kg/m³)
  • Ritiro volumetrico: medio-basso
  • Caratteristiche meccaniche: resistenza a compressione assiale media (~50 N/mm²); resistenza a flessione media (~110 N/mm²); modulo di elasticità medio (~11600 N/mm²).
  • Lavorabilità: legno facilmente lavorabile; si presta bene ad essere incollato, chiodato ed ha buon comportamento nei confronti della finitura. Il durame non è facilmente impregnabile.
  • Principali impieghi: Il legno di castagno è resistente alla degradazione ed all'umidità, è elastico e non teme gli urti. Per queste ragioni, si presta ad essere utilizzato per produzioni esterne come interne: paleria (da vigneto e da frutteto, tutori in arboricoltura, recinzioni, linee aeree, pali per l'ingegneria naturalistica), falegnameria (mobili, arredi per esterno, pannelli, rivestimenti, pavimenti, serramenti). È idoneo agli impieghi strutturali: travature, tavolati, capriate. Il legno di castagno viene inoltre localmente utilizzato nel settore energetico, anche se a causa della presenza di tannini e della bassa densità non è tra le specie più adatte all'impiego. È altresì utilizzato per l'estrazione di tannini e per la costruzione di recipienti per conservare il vino.
 
I prodotti

Segheria Valle Sacra

Via Castelnuovo Nigra, 19
10081 Castellamonte (TO)
Tel e Fax +39 0124.423198
info@segheriavallesacra.it
P.Iva 09331870015

 

Questo sito utilizza i cookie per migliorare la tua esperienza di navigazione. Usando questo sito sei in accordo con la nostra privacy policyOK